venerdì 29 marzo 2013

La Caponata di Salvatore


Questa ricetta me l’ha data il mio amico Salvatore, siciliano DOC, fumettaro DOC, gay DOC. A parte l’essere siciliano, le altre caratteristiche non sono essenziali per cucinare bene la caponata, ma sembra che per lui sia così. Salvatore ha una fumetteria a Palermo insieme a Filippo, il suo uomo. Se andate a trovarli e gli state simpatici certe volte vi offrono il caffè, oppure un piatto di caponata se beccate il giorno giusto.
La fumetteria si chiama Altroquando ed è in via Vittorio Emanuele 143, orario 8.00/13.00 - 15.00/20.00.
E comunque a me quelli che fanno pubblicità a tutti i costi stanno sulle palle.

Ma veniamo a noi e alla nostra caponata. Neanche in mille anni riuscirete a farla buona come quella di Salvatore. Ma non scoraggiatevi, perché se seguite alla lettera le istruzioni è possibile che verrà piuttosto buona.



Ingredienti:
4 melanzane - 50 g di capperi - 100 g di olive - 50 g di concentrato di pomodoro - 1 gambo di sedano - 1 cipolla - aceto - zucchero.

Procedimento:

Tagliate le melanzane a cubetti abbastanza grandi, almeno 2 centimetri di lato. Mettete i cubetti in uno scolapasta salandoli abbondantemente e lasciateli a “spurgare” per mezz’ora. In questo modo le melanzane perderanno un po’ del loro amaro.
Dopo questa operazione dovete dimenticare che sulla Terra esiste il sale.
Mettete i capperi a bagno in un po’ d’acqua, snocciolate e tagliate a pezzetti le olive mettendo a bagno anche loro.
Pulite il sedano, tagliatelo a pezzetti di circa 1 centimetro e fatelo bollire per qualche minuto. Attenzione a non farlo diventare molle ché Salvatore s’incazza.
A questo punto è il turno delle melanzane. Cercate di togliere più sale possibile (senza usare l’acqua ovviamente) e friggetele in olio di oliva.
In un’altra padella fate soffriggere la cipolla, poi aggiungete il concentrato di pomodoro e allungate con mezzo bicchiere d’acqua. Quando la salsa è pronta unitevi il sedano, le olive e i capperi. Aggiungete un pizzico di zucchero e una spruzzata di aceto. Fate cuocere per qualche minuto e spegnete il fuoco. Aggiungete le melanzane e mescolate con MOLTA delicatezza, altrimenti i cubetti di melanzane s’impappano e vi trovate con una padellata di stucco marrone. Però se avete spifferi negli infissi vi può tornare utile.
Rimettete la padella sul fuoco, fate riprendere il bollore e spegnete il fuoco.
Lasciate riposare la vostra caponata e non scaldatela prima di servirla a tavola perché l’ideale è mangiarla a temperatura ambiente.

Questa è la caponata di Salvatore. Io l’ho assaggiata una volta che sono stata nella sua fumetteria per assistere alla presentazione di un libro. Che c’entra la caponata a una presentazione? Non sono meglio salatini e coca cola?, direte voi.
All’inizio l’ho pensato anch’io, ma poi mi son detta che Salvatore è così: o lo ami o lo odi e io non ho ancora conosciuto nessuno che lo odi.

11 commenti:

  1. Solo a leggere la ricetta ho preso su un chilo, ma fa niente, ne vale la pena.
    Olive... nere? verdi? le denocciolate della coop?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelle che preferisci, skiri, però leggendo "le denocciolate della coop" m'è venuta una strisciata di eritema sul collo.

      Elimina
    2. non le comprerei mai, come immagini anche da sola, ma ogni tanto mi piace fare terrorismo.

      Elimina
    3. ora ti tocca risarcirmi il bentelan :)

      Elimina
  2. Delizia (per la caponata) e lacrimuccia per lo splendido omaggio che hai fatto a quell'uomo (e anche perchè mi ricordo quando siete venuti da queste parti)

    RispondiElimina
  3. Ma tra i libri ci sono anch'io?!?!? :D

    RispondiElimina
  4. Ho superato la fase "Santo subito" e siamo passati alla raccolta delle reliquie. Un pezzettino di colon e uno di osso. Affrettatevi chè i pezzi sono limitati. Wally è un amore di donna e spesso mi sopravvaluta. Ma mi piace

    RispondiElimina
  5. Buonissima! Persino con le melanzane plasticose che si trovano qua in Finlandia. E grazie a Makkox per il link.

    RispondiElimina
  6. Questa è la caponata di Salvatore...

    RispondiElimina

postate i commenti solo se siete ancora vivi.